I-Days 2018, giorno 3: Il report del concerto di Noel Gallagher e Placebo a Milano

Written by on 24 giugno 2018

I-Days 2018, giorno 3: Il report del concerto di Noel Gallagher e Placebo a Milano



Continua senza sosta l’Independent Days Festival, noto ai più come I-Days, che quest’anno si svolge presso Area Expo Experience di Rho, poco fuori Milano. Dopo il primo giorno, segnato dai concerti di Killers, Liam Gallagher e Richard Ashcroft, il secondo che ha visto protagonista la band guidata da Eddie Vedder, la rassegna milanese è arrivata al suo terzo appuntamento.

La terza giornata degli I-Days Festival 2018 ha visto come headliner della serata Noel Gallagher con i suoi High Flying Birds. Il concerto del maggiore dei fratelli Gallagher è stato aperto dai Placebo di Brian Molko e Stefan Olsdal.

I Placebo sono saliti sul palco degli I-Days quando il sole ancora picchiava sulle teste dei tanti fan già presenti nell’arena. Brian Molko e Stefan Olsdal, tutti rigorosamente in nero, hanno ripercorso per poco più di un’ora la loro storia musicale, aprendo con il loro classico del 1998 “Pure Morning”. La band britannica non sbaglia un colpo, la voce Brian Molko è ancora quella che tutti abbiamo amato e il basso di Stefan Olsdal è potente e avvolgente.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/VX1gt2bJgFH5HYMNb2CC9JMnIHU=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/img-2729.jpeg

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/zBhApR2enZPEpiaIZyL-BDAq-3w=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/img-2734.jpegIl set dei Placebo continua “ Loud Like Love”, “Jesus’ Son”, “Soulmates” e “Special needs”. Sono in molti nell’arena ad apprezzare lo show, in tanti cantano e saltano, altri rispondono con ovazione dopo le prime note dei brani che riconoscono. Brian Molko spende poche parole con il pubblico, solo un “buona sere e grazie”, ma le parole non servono quando a parlare c’è la musica e che musica.

Prima della fine c’è spazio anche per un omaggio ai Cure, con “Let’s go to bed”, per poi chiudere il tutto con “Infra- red”. Altro che supporter, i Placebo potrebbero essere benissimo gli headliner della serata.

GUARDA LA FOTOGALLERY DEL CONCERTO DEI PLACEBO

L’arena inizia così a riempirsi e l’attesa per vedere il “genio degli Oasis” sale. Il maggiore dei fratelli Gallagher torna in Italia dopo la tranche primaverile del “Stranded on the Earth World Tour”, e le tre tappe estive precedenti a questa di Taormina, Napoli e Roma.

Sono passate da un po’ le nove e mezza e finalmente Noel, accompagnato dai fedeli High Flying Birds sale sul palco, ed è subito rock genuino e puro. La band, dopo un lungo tour assieme, è ormai perfettamente rodata, il suono è solido e ben calibrato e la voce di Noel non lascia intravedere alcun segno di cedimento. I tre brani iniziali, tutti presenti nell’ultimo disco “Who Built the Moon?”, sono potenti e diretti e “Holy Mountain”, la più ballabile di tutte, è arricchita da dei fiati meravigliosi. Dopo le recenti “It's a Beautiful World” e “In the Heat of the Moment”, è tempo per il passato, e dopo aver salutato e ringraziato Milano, arriva il primo brano degli Oasis. “Little by Little” è accolto dal boato del pubblico che canta ogni singola parola del classico dei fratelli Gallagher, ma non è finito qui, subito dopo è il turno di “The Importance of Being Idle”.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/LDUoH-pbytjQADyEelEK5we7Q5k=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/img-2772.jpeghttps://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/qmTunZvTs8Q3VSDyFbxc1Ggw-jw=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/img-2780.jpegIl concerto di Noel prosegue spedito e senza interruzioni, a farla da padrona è la musica e la band, che grazie alle coriste e ai fiati aggiunge quel tocco in più alla perforamance dal vivo. “She Taught Me How to Fly” è “dedicata a tutte le ragazze là dietro”, poi ancora Oasis con “Half the World Away” e la leggendaria “Wonderwall” che, ahimè, cantata da Noel e non da Liam (visto due giorni fa) perde qualcosina.

Il pezzo più emozionante dal punto di vista musicale è “The Right Stuff” che, con il virtuosismo vocale di YSEÉ e la parte strumentale di chitarra e fiati, ha regalato al pubblico un momento di grande musica. Nel finale non possono mancare ancora gli Oasis: “Go let it out” e l’infinita “Don’t Look back in Anger” precedono l’ormai classica canzone di chiusura “All You Need Is Love” dei Beatles.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/uh_JKDTlyp6O4uUkUbC66Orfb_s=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/img-2769.jpeghttps://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/5R0Mu0MF8kXZHpEDaV9f4yfRNG8=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/img-2773.jpeg

GUARDA LA FOTOGALLERY DEL CONCERTO DI NOEL GALLAGHER

Guardando tra il pubblico della serata quello che si percepiva era un clima di festa, un clima gioioso, una festa per tutti: c’erano genitori che ballavano con i figli appena bambini, giovanissimi che degli Oasis avranno sentito parlare dai fratelli maggiori e fan storici della band di Manchester. Un pubblico di persone che amano la musica, semplicemente quello, e non luci, coreografie e fuochi d’artificio.

L’unica pecca di un concerto perfetto è stata la durata dello show. Veramente breve e con una scaletta dimezzata rispetto alle altre date italiane.

Mario Guerci

SCALETTA NOEL GALLAGHER'S HIGH FLYING BIRDS

Fort Knox

Holy Mountain

It’s a beautiful world

In The Heat of the Moment

Dream On

Little by Little (Oasis)

The Importance of Being Idle (Oasis cover)

She Taught me How to Fly

Half the World Away (Oasis cover)

Wonderwall (Oasis cover)

Aka… What a Life!

The Right Stuff

Go let it out (Oasis cover)

Don’t Look back in Anger (Oasis cover)

All You Need Is Love (Beatles cover)

SCALETTA PLACEBO

Pure morning

Loud Like Love

Jesus’ Son

Soulmates

Special needs

Too many Friends

Twenty Years

Devils in the details

Protect me from what I want

For What it’s Worth

Slave to the Wage

Special K

Song To Say Goodbye

The Bitter End

Let’s go to bed (The Cure cover)

Infra- red

APPROFONDISCI:

Scheda artista
Tour&Concerti

Testi

Follow

giu

23


Noel Gallagher in concerto


Area Expo Experience Milano – Via Cristina Belgioioso 28


Rho


Scopri tutte le date


Johnny b. goode

Se c’è una cosa che ho capito ascoltando “Call The Comet” di Johnny Marr, è che non hai necessariamente bisogno di musica dura in cui rifugiarti quando sei incazzato. Questo album arriva in una…
Vai alla recensione


Radio Emotions
Current track
TITLE
ARTIST

Apple Winamp windows Media Player Real Player QuickTime
WhatsApp Logo