I Muse parlano del nuovo album: “Sarà decisamente più sperimentale di ‘Drones'”

Written by on 21 febbraio 2018

I Muse sono stati ospiti del programma radiofonico condotto da Matt Wilkinson su Beats 1, che per l’occasione ha intervistato Matt Bellamy e soci. Nel corso dell’intervista il trio ha parlato del singolo “Thought contagion“, uscito la scorsa settimana, e anche del nuovo album in studio.

A proposito di “Thought contagion”, il frontman della band ha spiegato che si tratta di un brano più pessimista rispetto a “Dig down“, il singolo pubblicato la scorsa primavera:

“In ‘Dig down’ c’era ancora un po’ di ottimismo. Ora è esaurito. C’è un po’ di ansia. Quando canto cose come ‘Sei stato morso da qualcuno più affamato di te’, a volte mi domando se parli di me o no. Forse alcune di queste ansie sono causate dal guardare troppa tv o qualcosa del genere. Nella canzone mi chiedo se ciò che sto cantando nei versi sia reale o no. E infatti nel ritornello dico: ‘Non so se è davvero reale'”.

Dominic Howard, il batterista dei Muse, ha poi offerto alcune anticipazioni sul nuovo disco del gruppo e sul sound delle nuove canzoni:

“Finora è piuttosto misto. Sicuramente è molto diverso dall’ultimo album, che era molto rock: chitarre, riff… Questo non ha quel sound. È decisamente più sperimentale, ci sono più sintetizzatori e cose strane con le quali abbiamo registrato”.

Bellamy, a proposito dell’ideale seguito di “Drones”, ha aggiunto:

“Direi che stiamo mischiando i suoni dei vari periodi storici. C’è una traccia piuttosto interessante in cui abbiamo mischiato un pianoforte classico romantico con sintetizzatori anni ’80, musica per videogiochi. Funziona! Quella traccia si intitola ‘Algorithm'”.

(Fonte: Rockol)


Radio Emotions
Current track
TITLE
ARTIST

Apple Winamp windows Media Player Real Player QuickTime
WhatsApp Logo