Mariah Carey: «Combatto il disturbo bipolare da 17 anni»

Written by on 15 aprile 2018

«Ho un disturbo bipolare: ci convivo da 17 anni». Per la prima volta, Mariah Carey ha parlato a People (che le ha dedicato la copertina di questa settimana) della sua lunga battaglia conto il disturbo che le è stato diagnosticato nel 2001, quando fu ricoverata per «un crollo fisico e mentale».

«Non volevo crederci», ha detto. «Fino a poco tempo fa vivevo nella negazione, nell’isolamento e nella costante paura di essere esposta. Era un peso troppo pesante da portare e semplicemente non riuscivo più farlo.

Ho cercato e ricevuto cure, mi sono circondata di persone positive e sono tornata fare ciò che amo: scrivere canzoni e fare musica».

Nonostante sia una delle cantanti di maggior successo di tutti i tempi, con 200 milioni di dischi venduti, Mariah Carey ha trascorso anni soffrendo in silenzio. Finalmente, adesso, è in terapia per vincere il suo disturbo, che alterna periodi di depressione e ipomania. «Sto assumendo farmaci che mi fanno abbastanza bene. Non mi fanno sentire troppo stanca o pigra. Trovare il giusto equilibrio è la cosa più importante».

E ancora: «Per molto tempo pensavo di avere un grave disturbo del sonno – spiega la cantante, ora di nuovo in studio per lavorare su un album che uscirà alla fine dell’anno -. Ma non era normale insonnia e non stavo sveglia a contare le pecore. Lavoravo, lavoravo e lavoravo… Ero irritabile. Mi sentivo così sola e triste, e anche colpevole di non aver fatto tutto ciò che dovevo per la mia carriera».

L’errore è stato cercare di cavarsela da sola. «Il disturbo bipolare può far sentire incredibilmente isolati. Ma mi rifiuto di lasciarmi definire o controllare dalla malattia».

 

I'm grateful to be sharing this part of my journey with you. @mrjesscagle @people

A post shared by Mariah Carey (@mariahcarey) on


Radio Emotions
Current track
TITLE
ARTIST

Apple Winamp windows Media Player Real Player QuickTime