L’industria dei concerti nel 2022 varrà 31 miliardi di dollari a livello mondiale. Ma l’incognita è il ricambio generazionale delle star

Written by on 10 novembre 2018

Quello della musica dal vivo, a conti fatti, è l’unico settore ascrivibile all’industria musicale a non aver conosciuto crisi, negli ultimi anni. E, secondo un report compilato da Pricewaterhouse Coopers, colosso multinazionale della consulenza strategica e della revisione di bilancio, la tendenza alla crescita si consoliderà anche nei prossimi anni, tanto da far arrivare l’industria del live entertainment a valere a livello mondiale, nel 2022, la bellezza di 31 miliardi di dollari.

Di questi 31 miliardi di dollari, almeno 24 saranno generati dalla vendita di biglietti, autentico motore del segmento che – da parecchie stagioni a questa parte – ha dimostrato di non perdere un colpo nonostante le congiunture locali e internazionali. A far suonare un campanello dall’allarme, tuttavia, dovrebbe essere la benzina che – secondo i rilevamenti di PwC – ha alimentato fino a oggi questo motore: le garanzie per i grandi exploit al botteghino restano artisti da considerare ormai classici come U2, Guns N’ Roses (nella foto), Metallica, Depeche Mode, Paul McCartney e Rolling Stones, che nel 2017 hanno conquistato in quest’ordine le prime sei posizioni nella classifica dei tour più ricchi a livello mondiale.

La mancanza del ricambio generazionale di artisti di estrazione rock capaci di attrarre tanto pubblico rappresenta un serio pericolo per l’espansione del settore, che tuttavia – secondo PwC – potrebbe attutito se non addirittura assorbito dall’EDM e dalla dance: la ricerca, infatti, osserva come manifestazioni come l’Ultra Festival di Miami o il messicano BPM Festival, nati come eventi di nicchia con un forte legame al territorio, siamo negli anni diventati fenomeni globali tanto da costringere gli organizzatori – nelle specifico quelli dell’Ultra Festival – ad aprirne succursali in Europa, Sudafrica, Asia e America Latina. Fenomeno, questo, che noi italiani abbiamo toccato la scorsa estate con l’emanazione italiana – svoltasi nel mese di luglio a Monza – del festival Tomorrowland, brand internazionale consolidatosi negli ultimi anni come uno dei più celebri in ambito dance e EDM.

Sotto il profilo più squisitamente industriale, secondo PwC il futuro sarà appannaggio di un sempre più ristretto gruppo di super-competitor che sapranno tessere le giuste reti di partnership per fornire servizi sempre più mirati a un pubblico sempre più esigente: “Per avere successo nel futuro che si sta prospettando, le aziende devono rivisitare ogni aspetto di ciò che fanno e in che modo lo fanno”, ha spiegato Christopher Vollmer, Global Advisory Leader for Entertainment and Media di PwC, “Ciò significa andare oltre il modo in cui oggi si immaginano le proprie attività, il generare ricavi, il creare e organizzare le proprie capacità e il costruire e mantenere la fiducia. E, data la velocità e la portata dei cambiamenti in corso, la velocità sarà vitale”.

(Fonte: Rockol)


Radio Emotions
Current track
TITLE
ARTIST

Apple Winamp windows Media Player Real Player QuickTime
WhatsApp Logo