Le destinazioni più importanti del mondo per i clubber

Written by on 4 febbraio 2018

Clubbing is no hobby. E più che mai si tratta di un’attività strettamente connessa con i viaggi, le vacanze, e inclusa nelle attività irrinunciabili del weekend in città o di un fine settimana altrove. Ma quali sono le mete principali in tutto il mondo? Le città o i Paesi che componogno la mappa del clubber perfetto? Ecco le 15 destinazioni che non possono mancare sul vostro atlante.

Ibiza
Ovviamente la prima meta che ci viene in mente. L’isola perfetta: sole, mare cristallino, l’estate, le vacanze, i migliori club del pianeta, line up da urlo anche il lunedì. Cambia, si trasforma, si ricicla, ma Ibiza resta la meta numero uno al mondo quando si tratta di ballare.

Berlino
Se Ibiza è lo yin, Berlino è lo yang. Ce la immaginiamo sempre fredda, scura, in total black come la techno di cui è patria indiscussa. Berlino sa essere anche molto colorata (letteralmente e musicalmente) e di sicuro negli ultimi dieci anni è la città europea con la scena più frizzante quando parliamo di club.

Miami
Da sempre la città della Florida rappresenta un punto importante sulla mappa del clubbing mondiale. E grazie a Ultra Music Festival e alla Winter Music Conference è diventata una delle protagoniste della scena globale. Non solo in primavera.

Amsterdam
L’Olanda ha fatto della dance il pop nazionale, in tutte le sue sfaccettature. Lì la musica da ballo è religione. Con un pubblico estremamente ricettivo, club meravigliosi ed eventi come ADE e AMF, Amsterdam è un paradiso per ogni clubber che si rispetti, si tratti di house, techno o EDM.

Londra
Per molto tempo, dagli anni ’90 alla metà del decennio scorso, la capitale britannica non ha avuto rivali, era the place to be se volevi essere un dj o goderti le performance delle prime vere superstar della consolle. Poi le cose sono cambiate, la concorrenza si è fatta spietata e molti club hanno chiuso, tuttavia Londra resta un imprescindibile polo di novità e di serate di altissimo livello.

Torino
La città italiana più interessante per la musica elettronica non è in realtà ricca di club di enorme fama (anche se il panorama sta cambiando e alcune realtà interessanti si stanno affacciando alla ribalta). Ma a rendere la città della Mole un punto nevralgico a livello mondiale sono i festival: Kappa Futur Festival, Movement, Club TO Club, Reload, Jazz Re:Found sono apprezzati in tutto il pianeta e radunano clubber da ogni dove.

Las Vegas
Eccessiva e rutilante come da immaginario, Las Vegas ha scoperto che i club sono un business, e quindi i vari Omnia e Hakkasan si contendono i dj più popolari e pagati al mondo con la classica formula, molto americana, delle residenze “di lusso”. Steve Aoki, Diplo, Tiesto e Calvin Harris sono di casa da queste parti, spessocon show settimanali o addirittura con contratti esclusivi.

Croazia
Un Paese piccolo e giovane come la Croazia offre molte opportunità e pochi vincoli burocratici a chi ha voglia di fare business e capacità di costruire realtà interessanti. Così club e festival di dimensioni internazionali si contano ormai a decine sulla costa orientale dell’Adriatico. Un esempio illuminante.

Milano
Nonostante sia indiscutibilmente la città italiana più rilevante dal punto di vista artistico e culturale, e l’unico vero “hub internazionale” in Italia, Milano non ha mai brillato particolarmente per un’offerta di locali e festival in grado di creare continuità. Tuttavia negli ultimi dieci anni tanti sono i club che meritano un posto al sole, tanti i dj che passano in città, tante le serate interessanti. Milano è sicuramente uno dei posti che fanno la felicità di un clubber in una qualsiasi serata dell’anno.

Barcellona
Una città culturalmente molto progressista, sveglia, attiva, e ricca. I catalani hanno voglia di divertirsi e una sana attitudine a vivere la notte fino in fondo. Tra festival di fama mondiale come il Sònar e il Primavera Sound e innumerevoli club mete di dj e fan da mezzo mondo, Barcellona vale sempre la pena di una visita per passarci una notte a ballare.

California
Los Angeles, San Francisco, Coachella, San Diego. La California si è presa il suo spazio da protagonista sullo scenario globale della dance. Label, dj, musicisti, producer, tutti vogliono vivere a LA, che di fatto è il principale polo attrattivo del music biz oggi. E a cascata i club propongono una moltitudine di serate con nomi stellari tanto quanto underground; stesso discorso per due hub minori come Frisco a nord o San Diego a sud. E poi c’è Coachella, che da solo vale un viaggio nel deserto di Mojave.

Mumbai
L’India è enorme ed è un enorme mistero. Ma in una megalopoli così intricata e con così ampie possibilità economiche, è naturale che si sia sviluppato un tessuto di serate di livello alto, in grado di richiamare folle numerose e soprattutto i grandi nomi del dj stardom internazionale. Le mappe si ridisegnano nel tempo, e Mumbai si sta prendendo un ruolo da protagonista.

New York
Da sempre la città più vivace in un panorama – quello americano – inspiegabilmente poco attivo rispetto all’Europa (con le dovute eccezioni), NY tiene botta e si conferma tra le realtà più dense di appuntamenti ogni notte, con i club di Downtown Manhattan e quelli di Brooklyn a contendersi una scena perlopiù vivacemente undergorund. House e techno sono ciò a cui il pubblico newyorkese è maggiormente affezionato, anche se le avanguardie riescono sempre a trovare spazi ed emergere e la realtà dei festival durante la bella stagione è notevolissima. Impredibile.

Tel Aviv
Israele è un luogo magico tra Oriente e Occidente, Asia ed Europa, e Tel Aviv la sua città più progessista e cosmopolita. In una fetta di mondo troppo spesso alla ribalta della cronaca per gravi fatti di guerra, questa città sembra un’isola relativamente felice dove techno, trance e house sono di casa.

Bogotà
La Colombia e  buona parte del Sudamerica stanno conoscendo un momento di forte espansione turistica e di grand einteresse culturale. Le ritmiche di questa parte di mondo entrano sempre più nel sound globale e viceversa città che fino a poco tempo fa non erano molto considerate stanno diventando teatro di numerose performance di dj importanti e ricche di coub interessanti. Bogotà si sta prendendo la scena, forte soprattutto di una crescente fama e pubblicità di chi ci viene a suonare e ne parla spesso in termini entusiastici. Che sia la next big thing nella club culture mondiale?

(fonte: DJMagItalia)


Radio Emotions
Current track
TITLE
ARTIST

Apple Winamp windows Media Player Real Player QuickTime
WhatsApp Logo