Golden Globe 2018, vincono Alexandre Desplat, Benj Pasek e Justin Paul. Battuti Jonny Greenwood, Mariah Carey e Mary J. Blige

Written by on 8 gennaio 2018

Golden Globe 2018, vincono Alexandre Desplat, Benj Pasek e Justin Paul. Battuti Jonny Greenwood, Mariah Carey e Mary J. Blige

Non ce l'ha fatta, il chitarrista dei Radiohead, a conquistare la statuetta – considerata da molti "l'anticamera degli Oscar" – con la sua colonna sonora a "Phantom Thread": ad avere la meglio nella categoria "Best Score" dei premi Golden Globe 2018 è stato Alexandre Desplat con la partitura scritta per il lungometraggio "The Shape of Water". Oltre a Jonny Greenwood il compositore francese – nato a Parigi nel '61 – ha battuto Carter Burwell (autore della colonna sonora di "Three Billboards Outside Ebbing, Missouri"), John Williams (per lo score di "The Post") e Hans Zimmer, che ha firmato il commento sonoro a "Dunkirk".

Nella categoria "Best Original Song" la statuetta è andata a Justin Paul e Benj Pasek per "This Is Me", brano scritto appositamente per il lungometraggio "The Greatest Showman": la coppia di autori – già premiata nella stessa categoria ai Golden Globe dello scorso anno per "City of Stars", uno dei brani (poi vincitore anche di un premio Oscar) inseriti nella colonna sonora di "La La Land" – ha battuto Nick Jonas (ex Jonas Brothers), Justin Tranter e Nick Monson, autori di "Home" ("Ferdinand"), Raphael Saadiq, Mary J. Blige e Taura Stinson, in gara con "Mighty River" ("Mudbound"), Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez, in lizza con "Remember Me" (da "Coco", nella versione italiana interpretata da Michele Bravi), e Mariah Carey e Marc Shaiman, autori della title track della colonna sonora di "The Star".

"This Is Me", interpretata nella versione originale da Keala Settle, è stata realizzata anche da Ke$ha, che ne ha realizzato un cover pubblicata in concomitanza con l'uscita della pellicola nelle sale.

L'edizione 2018 dei premi Golden Globe è stata caratterizzata dalla protesta messa in atto dalle protagoniste della serata, presentatesi alla cerimonia di gala vestite di nero in segno di solidarità alle vittime di molestie sessuali in ambito cinematografico: l'iniziativa, identificata sui social network con gli hashtag #TimesUp e #WhyWeWearBlack, è stata sostenuta da figure di primo piano del panorama musicale americano come Madonna, Justin Timberlake e la stessa Mariah Carey.


Radio Emotions
Current track
TITLE
ARTIST

Apple Winamp windows Media Player Real Player QuickTime
WhatsApp Logo