Gato Barbieri, molto più che un sax

Written by on 2 aprile 2018

Gato Barbieri, molto più che un sax

Il 2 aprile del 2016, all’età di 83 anni, si è spento il sassofonista e compositore argentino Leandro ‘Gato’ Barbieri. Il suo nome è indissolubilmente legato al tema della colonna sonora dell’indimenticabile film “Ultimo tango a Parigi” di Bernardo Bertolucci interpretato da Marlon Brando e Maria Schneider. Ma sarebbe un imperdonabile errore pensare che Barbieri debba la propria fama a una sola, seppur fortunatissima, incisione. La carriera di questo giramondo che amava in particolar modo l'Italia parla di 35 album e numerose collaborazioni. Dedito al jazz, contraddistinto dal Fedora invariabilmente calato sulla testa. Suo è l’assolo in “Sapore di sale” di Gino Paoli, per esempio. Oppure quello in “Modena” di Antonello Venditti. Musicista che ha messo il proprio strumento al servizio della musica che fosse il jazz oppure il pop, il commento sonoro di una pellicola cinematografica oppure il tango delle sue radici. Un grande del sassofono, un grande in assoluto. Riposa in pace.


Avanti


Radio Emotions
Current track
TITLE
ARTIST

Apple Winamp windows Media Player Real Player QuickTime
WhatsApp Logo